Sara Bracci

Sara Bracci durante un’ escursione
 
 

Sara nasce a Fano nel febbraio 1977 e trascorre la sua infanzia a Falcineto, località di zona agricola e situata nella Valle del Metauro.

Fin da piccola Sara si appassiona alla letteratura e all’arte. Quest’ultimo grande interesse la porterà a 14 anni alla scelta di frequentare la Scuola del Libro di Urbino con indirizzo incisione. Conseguita la maturità nel 1996, Sara si iscrive alla Facoltà di Lettere con indirizzo Storia dell’arte all’Università Carlo Bo di Urbino.

 
 
Sara Bracci durante la Staffetta del Bianchello
 
 

Dopo diverse esperienze lavorative, dal 2007, grazie ad un corso di Alta Formazione, organizzato dall’Università di Urbino insieme all’alberghiero “Santa Marta” di Pesaro e alla Camera di Commercio di Pesaro, chiamato “Ambasciatore territoriale dell’enogastronomia”, Sara si avvicina al mondo dell’enogastronomia marchigiana in modo professionale e scrive la tesi/progetto “Erranze Marchigiane”.

Nel 2009 Sara e altri otto partecipanti del corso fondano l’associazione culturale no profit “Ambasciatore territoriale dell’enogastronomia” che le permette di portare avanti quello che per lei è diventata ben più che una passione.

Dall’aprile 2012 Sara è sommelier AIS (Associazione Italiana Sommelier) e in seguito degustatrice ufficiale AIS e questa esperienza le ha dato la possibilità di approfondire la conoscenza del vino e delle realtà produttrici del suo territorio. Inoltre, nel 2012 Sara frequenta un Master universitario di I livello in “Enogastronomia e Ospitalità” dell’Università di Bologna e in questo ambito nasce l’idea de la Staffetta del Bianchello, progetto da lei ideato e realizzato nel 2013.

Il 9 dicembre 2015 Sara è rimasta coinvolta in un incidente stradale e da questo momento si trova in una condizione di semicoscienza fino al 31 maggio 2019.

 
 

Vuoi saperne di più sui progetti di Sara?